Kenneth Spencer Research Library, Pryce MS P4 Place Names Identified

ReadAboutContentsHelp

Pages

Page 11
Complete

Page 11

P. 11 [Rubric: luna.] LAluna etra pianeti il pio soctano Et che piu tarde compie sua giornata Suo cielo e/ transparente e diaphano Come so glialtri onde none adata La vista si chesi raguard[i?] invano Per tucte insino alla spera stellata Per che ha dilecto rimirar inquelle Chiari pianeti et riluciente istelle [Rubric: Oscuratione delsole] Ma lo suo corpo io dico dilaluna Per che solido e/ denso et non transpare Quandello senterpone in parte alcuna Tral sole et noi per linea recta iguale Socto isuoi raggi cisi mostra bruna Et anoy nolli lascia trapassare Et tale eclipsi quando elle conpiuta Di vecchia in nova inquel puncto si muta [Rubric: Variatione della luna] Sança lume dase ma tucta ischura Quanta ne vede il sole tanta nacciende Per questo e/ variabile sua figura Per che tra su et giu meça risplende Et quanto e/ piu distante sua misura Dal sol tanto ogni di piu rume rende Sopra la terra et quando si rappressa Ogni di sciema suo lume da essa

Last edit almost 2 years ago by Laura K. Morreale LLC
Page 12
Complete

Page 12

P. 12 [Rubric: Oscuratione della luna] ETquando ella e/ per dritta opposicione Dallo specchio dil sole e piu lontana Convien che si demostra obscuracione Se in quel poncto ella e/ a noy sovrana Et tale ecclipsi acch[a?]de per cagione Che la terra si trova allor meçana Et tra ley el sole e/ per chelle maiore Iraggi di passar non an vigore SOpra tutti glihomori a molto afare In tucti glianimali et nel piante Et nel suo cresciere et nel sciemare Da força o dibileça a tucte quante In essa se dee molto raguardare Chie di corpi infermi medicante Et di moltei se vede la ragione Che manchano nella sua consumacione [Rubric: Effetti della luna] Nei corpi humani ova dominacione Pigra influencia e molle e basso ingiegno Mutabile e voltante condicione Gente de non fidarsene col pegno Sança firmeçça et con poccha ragione Sellanimo vorra seguir il segno Cuor feminile et non sa che si voglia Et di cio che gliameil sempre fa doglia

Last edit almost 2 years ago by Laura K. Morreale LLC
Page 13
Complete

Page 13

P. 13 [Rubric: ordine naturale] O virtu summa che inte sempre stabile Aciascun cielo singulare moto desti Et colla tua sapiencia in effabile Diversa via aciascun concedesti E inperpetuo con pacto dur[a?]bile Ogniun sua legie mantener voles[ti?] Questa concordia si maravagliosa Trapassa nel piensiero ogni gran cosa [Rubric: Effetti varii nelliomeni] Con questa si governa la natura Produciendo le cose differenti Onde e/ disimigliante onne figura Di huomini et donne con varii accidenti Chi di cose alte et chi di basse ha cura Chi piu veloce e/ chi con passi lenti Chi arme chi sciencia e/ chi pastore Et chi adunarte o/ altra pone amore [Rubric: Effetti nelli tempi] Di quinci vieni che uno tempo e carestia Unaltro e/ guerra e/ un altro divicia Quando sia pacie et quando sia moria Quando sia dolo et quando sia tristicia Si come qual piqueto ha signoria Sintra il mondo pui bene /o/ malicia Esecondo ove la influencia cade Sia piu o/ meno indiverse contrade

Last edit almost 2 years ago by Laura K. Morreale LLC
Page 14
Complete

Page 14

P. 14 Quinci vengono i caldi sceperati Quinci igrandi secchi e quinci le gradi piove Quinci i granfreddi e/ giaççi ismesurati Quando in alcun paesee quando altrove Idico quando passa imodi usati Ragionando secondo el tempo el dove Di tutte queste passion si cura Et lanima s[i?] segne sua natura [Rubric: Dellanima.] Lanima bella nobile e/ perfecta Ymago e/ similgianza del maestro Se in queste altre cose si dilecta Non prendera iammay caminsilvestro Et faciendo cosi vivera necta Et collocata sia dallato dextro Chiamata a posseder leterna pacie Per che vole seguir la via veracie Et sopra tutti i cieli andera ridando Piena damore et piena di dilecto Et nel divino ispecchio contemplando Arapiena noticia nel conspecto Diquelle cose che quagiu mirando Dintenderle patria alcun difecto Contenta dogni suo sancto disio Rengraciarra eternalmente idio

Last edit almost 2 years ago by Laura K. Morreale LLC
Page 15
Complete

Page 15

P. 15 [Rubric: Liber secundus] [Rubric: Exordio.] DIce signior superno habiam parlato Edi tucti cieli ediloro influencia Quanto per gracia cniai demonstrato Or piaccia alla tua benign[a?] clemencia Monstrare glielementi e lor stato Ele stagion dellanno ela semenza Lor qualita et lor generacione Et di corpi mortali lor conplexione [Rubric: elementi.] TU con misure gli elementi lighi Suo termine aciascuno ai stabilito Et lun dellaltro chiarament[e?] spieghi Il fuoco el primo nel pui alto sito Non conceduto allui oche in giu se pieghi Ma per natura quanto puo e/ sallito La sua spera e socto il ciel della luna Et qui non ha inse misura alcuna [Rubric: foco.] La vista humana veder nonla potrebbe Per che vie piu chelaria e purissimo Ma che visappressasse sentirebbe Il caldo suo cociente e/ ardentissimo Onne cosa legier passarebbe Senza violença per che e/ suctilissimo Poi socto lui e/ la spera dellaria La qual e/ molto in suoi termini varia

Last edit almost 2 years ago by Laura K. Morreale LLC
Displaying pages 11 - 15 of 50 in total